EUROPEE 19: RISULTATI


14 Giugno
Risultati delle elezioni europee del 2019
Negli ultimi giorni, parlando con amici e conoscenti, ho notato che vi è ancora confusione tra risultato elettorale italiano e risultato europeo (quello che conta). Si lo so, è passato qualche tempo e l’argomento sembra non attuale, ma credo che lontano dal caos e a distanza si riesca a vedere meglio l’insieme. In effetti, questo “misunderstanding” è chiaramente originato dalle sintesi giornalistiche post elettorali:
“La Lega ha stravinto”, “Sorpasso sui 5 Stelle”, “Lega primo partito”
Addirittura c’è stata una giornalista del TG2 che, intervistando Salvini, ha dichiarato che quello della Lega è il miglior risultato alle europee di sempre, più del PCI o di Forza Italia. Eppure, tutti possono, con un po’ di volontà, ricordare il famoso 40% di Renzi, che Egli stesso vende ad ogni occasione.
Questa perla del TG2, anche se bollata come balla, permane nell’etere generando dubbi e confusioni.
Chiaramente la Lega ha vinto la competizione europea in Italia, prendendo voti principalmente dall’alleato di governo e dal Forza Italia, ma a livello europeo quale sarà la possibilità che Salvini e i suoi incidano veramente sulle politiche comunitarie?
Analizziamo i risultati e grafici liberamente consultabili presso il sito del Parlamento europeo https://risultati-elezioni.eu/

Bruno Lamarra


27 Maggio 2019

Risultato Italiani all’estero
Le Elezioni Europee sono finite. Ci sono i risultati definitivi e ognuno di noi può prendersi il tempo necessario per fare le proprie analisi e considerazioni.
Un dato e’ però sicuro: gli italiani all’estero hanno votato in modo diverso dagli Italiani In Italia .
C’è un’Italia che al voto europeo ha attribuito un inequivocabile successo alla Lega con oltre il 34% delle preferenze, il Pd secondo partito staccato di circa 12 punti, il Movimento 5 Stelle sotto il 20%, i Verdi incapaci di raggiungere la soglia di sbarramento.
E poi c’è l’Italia degli italiani residenti all’estero, numericamente molto inferiore rispetto alla prima, ma il cui orientamento politico è decisamente diverso. I dati definitivi vedono il Partito Democratico di gran lunga primo partito, al 32,44%, mentre la Lega è al 18%.
A Lussemburgo il voto ha premiato il Partito Democratico (38,79%) ed evidenziato una forte differenza, in confronto con il voto in Italia, per le liste +EUROPA - ITALIA IN COMUNE - PDE ITALIA (10,48) ed EUROPA VERDE (7,68). Quest’ultime non hanno raggiunto la soglia del 4% e pertanto non hanno seggi nel parlamento Europeo.
Nella tabella che segue si confronta il voto degli Italiani in Lussemburgo, della totalità degli Italiani all’estero e il riepilogo in Italia

Per vedere tutti i risultati delle Votazioni europee riepilogo Italia Leggi qui
Per vedere tutti i risultati delle Votazioni europee riepilogo Italiani all’estero Leggi qui
Chiaramente c’è un’Italia che vive all’estero e che vede l’Europa e la politica in modo positivo, che vuole agire per migliorare e che crede che si può essere Italiani ed Europei , Italiani ed Emigrati e soprattutto Italiani senza paura e senza rancore.
Questa Italia ha premiato il Partito Democratico in quasi tutti i paesi d’Europa e spera nella rinascita di un partito che possa raggruppare tutti quelli che credono in un’Italia e in un’Europa migliore, più civile e più aperta ai problemi sociali.
Si, un’Italia con tanti Italiani all’estero a cui chiediamo di continuare a collaborare per costruire un’Europa più vicina e un Partito Democratico più forte e più Europeo.